Blog

  • Home
  • Blog
  • Accettazione: storie di diagnosi di demenza ad esordio precoce. Terrie Montgomery
2021-09-21

Accettazione: storie di diagnosi di demenza ad esordio precoce. Terrie Montgomery

Accettazione: storie di diagnosi di demenza ad esordio precoce. Terrie Montgomery

“Dove c'è una volontà, c'è un modo. Se c'è una possibilità su un milione che tu possa fare qualcosa, qualsiasi cosa, per evitare che ciò che vuoi finisca, fallo. Fai leva per aprire la porta o, se necessario, infilaci dentro il piede e tienila aperta". (Paolina Kael)

È stato nel 2015 che mi è stato diagnosticato l'Alzheimer ad esordio precoce.

La prima cosa che dovevo fare era essere in grado di accettarlo e conviverci.

Finora, l'ho fatto.

Ma tutto diventa più difficile  quando ci destreggiamo tra diagnosi multiple.

Alcuni di noi cadono vittime della diagnosi non solo di una, ma di due, tre e più. Faccio parte di questo gruppo.

Ecco perché è così importante avere o sviluppare un senso dell'umorismo e, soprattutto, aggrapparsi alla nostra Fede.
Qualcuno potrebbe dire, un senso dell'umorismo? Fede? Cosa farà? Avere la demenza con altre malattie e disturbi aggiunti ad essa è tutt'altro che divertente. Sì, sono totalmente d'accordo, ma cosa possiamo fare al riguardo?
In poche parole, POSSIAMO essere aperti all'ACCETTAZIONE.
Sì, l'ACCETTAZIONE, che ci spinge ad avere un piano, un atteggiamento attivo e la volontà di credere sempre che ci sia una soluzione". È qui che entra in gioco la parte della fede.

Nessuno di noi è esente dal proprio destino.

Nessuno di noi è esente dalle cose negative. Le cose succedono.

Naturalmente sappiamo TUTTI che ci sono misure preventive che possiamo fare per ridurre i rischi , ma sappiamo anche che la demenza come il Coronavirus non ha rispetto della persona. In questo momento a un'altra persona è stata diagnosticata la demenza e forse un'altra malattia o disturbo.

In tutto il mondo, circa 55 milioni di persone soffrono di demenza, con oltre il 60% che vive in paesi a basso e medio reddito. Poiché la percentuale di persone anziane nella popolazione è in aumento in quasi tutti i paesi, si prevede che questo numero salirà a 78 milioni nel 2030 e a 139 milioni nel 2050. (Ultime statistiche globali di Google sulla demenza).

I numeri elencati sono abbastanza sbalorditivi.

Quindi, abbiamo bisogno di essere in grado di fare del nostro meglio per combattere:
essere ben informati sui percorsi clinici
difendere noi stessi come pazienti e difendere i nostri diritti umani a essere trattati con rispetto e serietà

avere il sostegno della famiglia e della comunità

 "Niente di noi senza di noi!" è uno slogan utilizzato per comunicare l'idea che nessuna politica dovrebbe essere decisa da alcun rappresentante senza la piena e diretta partecipazione dei membri del gruppo interessato da tale politica. 

Il motivo per cui condivido questo è per incoraggiare gli altri, che sono come me.

Non è uno scherzo vivere con la demenza, ma è realizzabile.

Non è un picnic per gli altri giudicare o fare supposizioni nel tentativo di dare una valutazione personale sullo stato in cui si trova una persona con questa malattia.

Qui servono neurologi, medici e professionisti esperti. 

Devo ammettere che NON sono perfetto o pronto al 100% per l'ignoto, ma sono pronto al 100% a godermi ogni secondo di un giorno nuovo di zecca! 

Tuttavia, non permetterò a niente o a nessuno di rubare la mia gioia.

Concentrati sull'eredità che lasceremo alle spalle, ma soprattutto concentrati sull'ora, questo secondo, questo minuto, questo giorno!
Assicurati che NON sia sprecato.

Invece, parcheggia le nostre malattie, parcheggia la nostra demenza, parcheggia gli eventi mondani e sicuramente parcheggia tutto ciò che ci rende tristi. Afferra TUTTA la gioia, la positività, i pensieri felici, i passi felici e i ricordi preziosi che faremo oggi.

Se posso farlo... POSSIAMO FARLO!

Perchè no? Ogni giorno è un regalo..goditelo! Percorreremo questa rotta solo una volta. Tutto è in stato di accettazione per oggi e tutti i giorni! In questo momento mi sento al meglio! Non può andare meglio di così se manteniamo il nostro atteggiamento positivo in pista!

L'accettazione tiene tutto in carreggiata…..

Theresa (Terrie) Montgomery 13/09/21
Vivere con il morbo di Alzheimer a esordio più giovane
Membro
del consiglio di amministrazione DAI Membro del comitato consultivo DAA

dementia logo

Per approfondire: 

https://www.centrorindola.it/servizi/neurologia-e-neuropsichiatria-infantile/mci-mild-cognitive-impairment

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×