Blog

  • Home
  • Blog
  • MindLenses: la neuromodulazione come riabilitazione per ictus, trauma cranico, ADHD, declino cognitivo
2022-05-03

MindLenses: la neuromodulazione come riabilitazione per ictus, trauma cranico, ADHD, declino cognitivo

MindLenses: la neuromodulazione come riabilitazione per ictus, trauma cranico, ADHD, declino cognitivo

DISPOSITIVO MEDICO CERTIFICATO

Il nuovo metodo per la riabilitazione dopo ictus, trauma cranico e per l'ADHD

Il Centro Medico Rindola referente unico per il territorio di Vicenza.

Utilizzato dai migliori centri di riabilitazione in Italia:

niguarda           grosseto       san camillo       slucia bn

cAUSE E SINTOMI DEL DEFICIT COGNITIVO

Dopo un ictus cerebrale o un trauma cranico. a seconda della tipologia e della gravità dell'evento, il cervello può rimanere danneggiato in maniera diversa. A sua volta, questo può dare origine a deficit cognitivi, cioè a disturbi di tutte quelle funzioni che il nostro cervello compie per navigare il mondo in maniera efficace.

Tali funzioni possono essere relativamente automatiche, come quando percepiamo lo spazio intorno a noi e prestiamo attenzione a quello che succede; possono richiedere qualche sforzo, come quando dobbiamo ricordarci cosa stavamo facendo in un determinato giorno; oppure possono essere molto complesse, come quando programmiamo le nostre azioni e prendiamo delle decisioni. 

Dopo un ictus o un trauma cranico, ognuna di queste funzioni può rimanere variamente danneggiata. Alcuni deficit cognitivi possono manifestarsi anche a causa dell'ADHD, un disturbo del neurosviluppo per cui non si parla di un vero e proprio danno cerebrale, ma che spesso, sul piano della vita quotidiana, produce effetti funzionali avversi - tipicamente la difficoltà a concentrarsi. Anche in questo caso si tratta di deficit cognitivo.

TRATTAMENTI E TERAPIE PER I DEFICIT COGNITIVI

Non esiste una "ricetta perfetta" per il trattamento dei deficit cognitivi: ogni terapia dipende dalle caratteristiche del deficit e da quelle del paziente. In generale, le terapie di tipo non farmacologico sono rivolte a limitare le conseguenze del deficit e a impedire peggioramenti.

In tutte le attività di riabilitazione, il recupero funzionale delle normali attività della vita quotidiana è messo sempre in primo piano.

Di recente si è aggiunta la neuromodulazione non invasiva con adattamento prismatico, un metodo di riabilitazione che può portare a dei miglioramenti significativi:

In MindLenses Professional, tale effetto di neuroplasticità è ottenuto tramite due componenti fondamentali:

• Il protocollo di adattamento prismatico, che il paziente esegue prima di ogni sessione di terapia;
• La stimolazione cognitiva con serious games su tablet, specifici per funzione cognitiva e dotati di algoritmo che adatta la difficoltà al livello del paziente.

In tabella, il miglioramento di alcune tipologie di pazienti dopo un ciclo di trattamento con MindLenses Professional, raccolti da un campione di utilizzatori.

tabella mindlenses

Per saperne di più:

 CONTATTACI


OPPURE SE VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI TELEFONA ALLO 0444-023924

PRENOTA ON LINE

Il tuo browser non è aggiornato!

Aggiornalo per vedere questo sito correttamente. Aggiorna ora

×