Abbiamo a cuore un obiettivo: l'efficacia delle cure e la dignità della persona
Via Claudio Monteverdi 2
36100 Vicenza

0444-02 39 24
rindola@centrorindola.it

Lun - Ven 8.30-12.30 13.00-18.00
Sabato - Domenica CHIUSO

Dottoressa mio figlio è DISGRAFICO!

Prima di procedere a facili diagnosi facciamo chiarezza.

Occorre distinguere fra una vera e propria disgrafia e un problema (o difficoltà) del grafismo, per cui, anche in assenza delle condizioni per la diagnosi di disgrafia, il bambino risulta comunque bisognoso di considerazione e di aiuto.

Una difficoltà nel grafismo può avere un carattere temporaneo ed essere anche associato a fattori di ordine motivazionale ed emotivo.

I parametri fondamentali per giungere ad una diagnosi di disgrafia sono rappresentati da:

LEGGIBILITA’ del testo prodotto

La qualità del segno grafico può essere valutata analizzando i movimenti scrittori, le forme e le dimensioni della scrittura e la sua disposizione nello spazio del foglio. Tutti questi elementi, nel loro insieme, contribuiscono alla leggibilità, cioè alla possibilità di decodificare correttamente e senza sforzo l’elaborato da parte dello stesso scrivente o di un altro lettore.

Anche se la scrittura è dal punto di vista calligrafico poco bella e accettabile, se essa risulta leggibile almeno in una forma di carattere gradita al bambino, dal punto di vista adattivo e comunicativo non comporta gravi conseguenze.

RAPIDITA’ di scrittura

Questo parametro è apparentemente secondario ed è tradizionalmente trascurato nelle diagnosi di disgrafia ma risulta di particolare importanza adattiva: il bambino che scrive in maniera lenta, seppure leggibile, non riesce a stare al passo con i compagni durante i momenti di dettatura, si affatica e perde tempo durante le proprie attività scolastiche.

 La diagnosi potrà essere data solo se:

  •  il testo risulta illeggibile o quasi illeggibile anche quando il bambino scrive nel carattere e  nel tipo di foglio a lui più familiare;
  • si rileva la presenza di un certo livello di compromissione della grafia in tutti i caratteri utilizzati ed anche nella scrittura di numeri;
  • i tentativi di migliorare il grafismo del bambino non hanno avuto successo.

Nella diagnosi vanno, inoltre, considerate le caratteristiche di postura, prensione e pressione della penna sul foglio che possono portare ad affaticamento nell’attività di scrittura prolungata.

…Quindi cari genitori, prima di preoccuparvi in maniera eccessiva, verificate che veramente i vostri bambini scrivano come il vostro medico di base!